Lo specialista risponde

Mittente: Angela

9 Ottobre 2017

Ho 54 anni e da Febbraio 2017 non ho più il ciclo ma improvvisamente a ottobre mi sono venute delle perdite rosse e ho un po di dolore nel basso ventre sono ormai dieci giorni sto aspettando che passino mi devo preoccupare?


Cara Angela,

è indispensabile effettuare subito una eco pelvica transvaginale e il Pap test. Posso sapere da dove ci scrive in modo da poterle dare maggiori consigli?

Cordialmente

Dott. Antonio Macciò


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!

Mittente: Gessica

15 Luglio 2017

A mia madre sono tornate le mestruazioni dopo due anni di menopausa. Sono molto preoccupata ma la sua ginecologa torna ad agosto dalle ferie. Il carcinoma ovarico potrebbe causare un ritorno del ciclo con sindrome premestruale e un flusso esattamente come quello mestruale? Grazie


Cara Gessica,

è indispensabile effettuare subito un'ecografia transvaginale e il Pap test. La ripresa del ciclo mestruale dopo più di tre mesi di amenorrea (la menopausa) non deve mai essere sottovalutata.

Cordialmente

Dott. Antonio Macciò


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!

Mittente: Francesca

23 Giugno 2017

Gentillisimo dottore le racconto in breve la mia storia. Operata il 23/05/2016 per un tumore ovarico ( marcatore ca 125 - 2587), intervento eseguito a residuo zero e stadiato al 4° stadio con organi vitali esenti ma con alcuni linfonodi sovradiaframmatici positivi. Inizio trattamento carbonplatino- Taxolo e Bevacizumab il 23/06/2016 ( marcatore circa 500). Terminata la 1° linea il 13/10/2017 con tac negativa e marcatore normalizzato durante il successivo prosieguo con il Bevacizumab. Rifatta tac il 3/Aprile/2017 con esito negativo, pultroppo dopo la tac il ca 125 ha avuto un trend di aumento (20,9 - 24 - 31 - 34 - 47) ed infine dopo 21 giorni di colpo 248. I dottori che l'hanno in cura non si sono pronunciati con certezza verso una recidiva lasciando qualche minimo spiraglio ad altre cause. Vi premetto che io sto bene senza nessun sintomo e con l'addome abbastanza disteso, salvo un po di dolori articolari. A dimenticavo che mi hanno riscontrato la mutazione del BRCa1. Sono tranquila e anche un po in ansia la cosa che volevo chiederle come mai con una tac negativa dopo due mesi il marcatore ha avuto un poderoso aumento e come mai si sta verificando durante il trattamento con bevacizumab (18° infusione) potrebbe essere dovuto ad altre cause considerando che hanno riscontrato anche la VES a 53. Ed inoltre in caso di recidiva porei riprendere il trattamento del platino considerando che sono passati quasi nove mesi dalla fine di detto trattamento con aggiunta eventualmente di purp inibitori. La ringrazio pr la sua gentile risposta.


Cara Francesca,

ritengo sia indispensabile eseguire al più presto una PET prima di ulteriori valutazioni. La tac infatti identifica lesioni da 1 cm in su. La PET invece da 0,5 in su. L'eventuale recidiva potrebbe non aver ancora raggiunto il cm. Quindi le consiglio di prenotare subito una PET.

Cordialmente,

Dott. Antonio Macciò


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!

Mittente: Tina

13 Giugno 2017

Gentile Dott, sono stata operata nel settembre 2015. Ho subito annessioctomia bilaterale e isterotomia. L'istologico è: carcinoma ovarico basso grado malignità 1A G1. Il decorso terapeutico si è concluso con l'intervento chirurgico e ora faccio controlli semestrali. Ho letto che al recente congresso sono stati presentati vari farmaci innovativi per gli stadi avanzati, ma nulla per la mia tipologia. E' possibile fare qualcosa per prevenire una recidiva nel mio caso? Grazie anticipatamente se vorrà darmi una risposta.


Cara Tina,

si tratta di tumori a scarsa capacità replicante per cui sono di per sè insensibili alla chemioterapia e quindi non si deve usare la chemioterapia perchè non avrebbe nessuna attività. Nel suo caso può essere utile una laparoscopia diagnostica a sei mesi. Cioè ogni sei mesi potrebbe essere utile, nel dubbio, una rivalutazione laparoscopica perchè quei tumori sono subdoli.

Cordialmente,

Dott. Antonio Macciò


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!

Mittente: Maria Giovanna

13 Dicembre 2016

Salve desideravo sapere che esami fare per escludere un tumore ovarico e dell'utero quando in menopausa compare del sangue. Grazie.

D.A.


Gentile signora,  il sanguinamento in menopausa e' un evento atipico che va sempre indagato. Deve fare pap test,  ecografia transvaginale e isteroscopia.

Cordialmente

Ketta Lorusso


Fonte

ACTO ONLUS


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!

Mittente: MB

8 Dicembre 2016

Buonasera, mia madre è stata operata circa 16 anni fa di tumore in situ al collo dell'utero. Dopo questo tumore, curato solo con l'esportazione dell'utero e senza cicli di chemio, dopo circa 6 anni è comparso un tumore all'intestino. Ha subito esportazione di 30 cm di sigma, più esportazione di un ovaia ed ha dovuto fare dei cicli di chemioterapia in pillole. Dopo altri 8 anni e precisamente nel 2014 ha scoperto di avere un tumore al seno, ha subìto prima dell'intervento chemioterapie rosse, seguite da bianche, alle quali il suo tumore, altamente maligno ha risposto bene poichè le dimensioni si ridussero notevolmente. A tutto ciò è seguito l'intervento e relative radioterapie che però le hanno portato problemi cardiaci. Valutando tutto ciò che le ho riportato di sopra, secondo lei è il caso che io effettui il test BRCA o altro esame genetico? Se si potrebbe indirizzarmi quale esame effettuare? La ringrazio!

MB

Buonasera


Si tratta di 3 tumori diversi di cui uno, quello sul collo dell'utero, legato ad una infezione virale, non ad un gene. Per quanto posso evincere non ci sono le condizioni per cui lei si debba sottoporre al test del BRCA, e peraltro l'analisi genetica comincia sempre dal paziente affetto dal tumore e, solo se positiva, si allarga al resto della famiglia. Consiglio una visita da un genetista per la sua mamma che valuterà il rischio di un substrato genetico in famiglia e deciderà se effettuare il test

Cordialmente

Ketta Lorusso


Fonte

ACTO ONLUS


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!

Mittente: SM

16 Novembre 2016

Buongiorno,

sono stata operata a giugno per psammocarcinoma ovarico peritoneale terzo stadio con residuo malattia assente al termine dell operazione. Tre cicli di chemioterapia con solo carboplatino (shock al taxolo) e due cicli con l'aggiunta di caelyx...ora in attesa del sesto. Il dosaggio del ca125 era 99 prima dell operazione, 55 prima dell inizio della chemioterapia, 11 dopo il primo ciclo, 4.30 dopo il secondo, 3.4 dopo il terzo, 4.5 dopo il quarto e 4.8 dopo il quinto. Tac di rivalutazione dopo 3 cicli. Non dava nessun segnale di recidiva. Il lieve rialzo del marcatore è da considerarsi preoccupante? Attendo sue gentili info.

Grazie

SM


Gentile signora,

nessun problema. E' del tutto normale assistere ad alcune fluttuazioni del CA 125, che non devono preoccupare.

Cordiali saluti.

Fedro Peccatori


Fonte

ACTO ONLUS


Fai anche tu una domanda ai nostri medici specialisti o raccontaci la tua esperienza!

Parla con noi... Scrivici ora!