Fondazione Taccia

Fondazione Taccia

  • di Redazione
  • 13 Dicembre 2016
  • Chi siamo

L’impegno della Fondazione Taccia contro il tumore ovarico

La FONDAZIONE TACCIA – RICERCA SUL CANCRO, che dal 1990 ha come scopo il sostegno alla ricerca nel campo oncologico, delle cure palliative e nella valutazione della malattia dolore, nel 2014 si è posta un nuovo obiettivo nel nome di una donna: GIOVANNA, ma potrebbe essere in quello di tante altre donne che hanno perso la loro battaglia o che stanno strenuamente combattendo contro un tumore che viene definito "IL KILLER SILENZIOSO", il tumore ovarico.

E’ il tumore femminile fra i più letali e il meno conosciuto, colpisce circa 5000 donne ogni anno nel nostro Paese, 250000 nel mondo, ma sei italiane su dieci non conoscono questa patologia e sette su dieci non sanno indicarne i sintomi e gli esami cui sottoporsi.

Di tumore ovarico perciò si muore tante volte per disinformazione e quindi di prevenzione, se di prevenzione si può parlare per una patologia i cui sintomi sono piuttosto vaghi, confusi con quelli di patologie minori, non vengono riconosciuti e la diagnosi arriva così quasi sempre in fase avanzata, quando le terapie hanno minori probabilità di successo.

In tanti, troppi casi, le donne non sanno neppure che basta un’ecografia pelvica UNA VOLTA ALL’ANNO per tenere sotto controllo un organo così importante ma così SUBDOLO come l’ovaio.
 

Mancanza di informazione e conoscenza

L'informazione potrebbe dare un'opportunità di vita in più a migliaia di donne.

Ed è qui che si inserisce il nome di Giovanna, l’ispiratrice di questo progetto: perché lei, come purtroppo tante altre donne ammalate della stessa patologia, si è trovata dal momento della diagnosi e nei mesi difficili e travagliati della malattia, a cercare con molte difficoltà aiuto e risposte a livello locale, trovando solo riferimenti e confronto su siti web a livello nazionale.

Perché purtroppo, dopo che viene diagnosticato il tumore dell’ovaio, una donna patisce di un male parallelo: IL SENSO DI SOLITUDINE davanti all’assenza di riferimenti, spiegazioni, risposte, consigli, conforto.

Nel nome di Giovanna e di tutte le donne, ecco lo scopo di questo progetto: informare, dare risposte, consigli e quindi alleviare, se non annullare, quel senso di profonda solitudine che avvilisce ogni sforzo di guarigione.

E proprio nella considerazione del senso di solitudine patito da Giovanna e da tante donne, questo progetto si chiamerà MAI PIÙ SOLE, solo tre parole che però rappresentano l’obiettivo che si sono posti la FONDAZIONE TACCIA e tante persone sensibili e generose, professionisti e operatori del settore.

Solitudine per mancanza di riferimenti e conforto che saranno superati grazie all’attivazione del NUMERO VERDE 800 031 633 a cui potranno rivolgersi le donne che hanno l’esigenza di chiedere informazioni e consigli in merito al tumore ovarico. A questo numero si potrà chiamare gratuitamente sia da numero fisso che da cellulare secondo orari che verranno stabiliti in seguito.

E' stato quindi realizzato il sito web www.maipiusole.sardegna.it, il primo sito in Sardegna sul tumore ovarico.

Le donne che si avvicineranno al sito troveranno tutte le informazioni sulla patologia, i fattori di rischio e i sintomi, il rischio genetico, le indagini diagnostiche, la prevenzione, i trattamenti chirurgico, farmacologico e psicologico, il test genetico, la chirurgia preventiva. Troveranno inoltre informazioni sui centri isolani di riferimento, e potranno chiedere spiegazioni ai medici oncologo, psiconcologo e nutrizionista che si metteranno a disposizione.